Mercoledì, 13 Luglio 2022 11:48

Le emozioni volàno della cultura della Sardegna, impariamo a comunicarle

Vota questo articolo
(9 Voti)

Una riflessione di Fabiana Callai

Partendo dal territorio notiamo come il paesaggio sia una delle principali caratteristiche della nostra Sardegna, legato strettamente alla cultura e alle sue manifestazioni storico-artistiche. Costituisce motivo di riflessione il fatto che, se tutto questo patrimonio artistico- culturale che è racchiuso nella nostra Isola venisse maggiormente preservato e tutelato avremo un turismo culturale più sviluppato tanto da poterlo considerare di diritto una leva strategica di sviluppo dell’economia della nostra isola.

Una comunicazione culturale rivolta quindi non solo agli addetti ai lavori, ma anche a chi alla cultura non si è mai avvicinato. Una cultura capace di emozionare.

La comunicazione emozionale ci  trascina inevitabilmente a vivere i momenti della storia passata con grande pathos, alla scoperta delle identità del nostro territorio , dei valori e delle tradizioni della nostra terra , attraverso un viaggio immaginario  indietro nella storia.

Attraverso le emozioni e la comunicazione culturale ci troveremo poi coinvolti attivamente nell’osservazione di tutto ciò che di bello il nostro territorio ci offre,  attratti quindi dalla cultura in generale che, non sentiremo più fredda e distante perché facente parte di un lontano passato ma viva ed emozionante.

Il territorio, i  luoghi , le opere d’arte, musei e tutte le manifestazioni storico – artistiche della nostra isola, sono prima di tutto narrazioni che diventano turistico- attrattive quando vengono raccontate e valorizzate.  Quando ripercorrendo la Storia della nostra Isola scopriamo una cultura che ci emoziona, e #torniamoadimmaginare   “una Sardegna che ha tutto il diritto di essere sognata”.

 

Ultima modifica il Martedì, 19 Luglio 2022 16:09