Sabato, 26 Giugno 2021 07:51

Servitù militari, le opposizioni: "La Regione riprenda il dialogo con il governo" In evidenza

Vota questo articolo
(3 Voti)

"Da una parte qualche iniziativa spot, come l'accordo per l'utilizzo ad allevamento di porzioni di territorio del poligono di Teulada, dall'altra una serie di ritardi che rischiano di vanificare il lavoro fatto negli ultimi anni. Sulle servitù militari il presidente della Regione è assente in ognuno dei tavoli con il Governo nazionale in cui la Sardegna dovrebbe essere protagonista". 

L'argomento torna in Consiglio regionale con una mozione sottoscritta da tutte le opposizioni, primo firmatario Francesco Agus, che ripercorre i diversi passaggi politico-militari dagli anni '50 sino al febbraio 2019. Da lì in poi, sottolineano i consiglieri del gruppo dei Progressisti, del Pd, di LeU e del Movimento 5 Stelle, tutto è fermo: «L'assenza del presidente su questo argomento è la certificazione del suo utilizzo del sardismo e dell'Autonomia: a uso e consumo esclusivo della sua propaganda, sterile e inconcludente».

«Mancano adempimenti formali indispensabili per portare avanti ragionamenti e iniziative concrete sulla presenza eccessiva di servitù militari nell'isola», sottolineano le opposizioni: «A esempio, le nomine dei rappresentanti della Regione nella cabina di regia e nei tavoli tecnici definiti dal Protocollo d'intesa sottoscritto con il Governo nel febbraio 2019, indispensabili per velocizzare i processi sugli immobili e sui territori dismessi dalla Difesa, che dovrebbero favorire le economie delle comunità locali. Non sono poi stati istituiti gli osservatori ambientali indipendenti, fatto che sta determinando un forte ritardo nelle operazioni di bonifica dei territori interessati. A diversi mesi dal loro insediamento, e nonostante numerose richieste formali, il presidente non ha mai incontrato i rappresentanti del Comitato Misto Paritetico».

«Quello che serve è un ragionamento serio», continuano i consiglieri, «per dare seguito ai numerosi accordi e ai protocolli sottoscritti negli anni tra i governi nazionale e regionale. Chiediamo al presidente se sia stato definito con lo Stato un riequilibrio in termini di compensazione economica rispetto ai danni ambientali sanitari ed economici subiti dall’isola e se siano state stanziate opportune somme da destinare alla bonifica dei siti inquinati. Serve attivare tutte le procedure perché si passi dalla politica degli indennizzi a politiche di valorizzazione dei territori, capaci di creare sviluppo e nuove opportunità lavorative. Soprattutto, chiediamo al presidente se e in che modo si sia attivato per promuovere la progressiva diminuzione delle aree soggette a vincoli militari e la dismissione dei poligoni».

Risulta chiaro che lo Stato sarà meglio disposto in questa direzione se la Regione si mostrerà in grado di gestire tutta la partita: diventa quindi indispensabile capire se il presidente «intenda elaborare un piano di riconversione e riutilizzo dei beni, quantificando le risorse necessarie per eventuali bonifiche, e avviare un processo partecipativo finalizzato a individuare le destinazioni d'uso migliori per l'utilizzo dei singoli beni alla luce delle esigenze dei comuni della Sardegna».

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.