Visualizza articoli per tag: regione sardegna

La Presidente della Regione Autonoma della Sardegna ha incontrato a Cagliari una delegazione dell’Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) nell’ambito del progetto “Ripensare l'attrattività regionale per una globalizzazione verde e inclusiva”.

L'obiettivo generale del progetto è quello di fornire ai policy-maker solide analisi statistiche e un’approfondita consulenza politica su come favorire l'attrattività a livello internazionale e contribuire allo sviluppo sostenibile della propria Regione.

Il Centro Regionale di Programmazione della Regione Autonoma della Sardegna e l’OCSE, con il coordinamento dell'Assessore regionale alla Programmazione Giuseppe Meloni, hanno organizzato due giorni di incontri e tavole rotonde, il 10-11 giugno presso la sala eventi di Sa Manifattura, che hanno visto la partecipazione degli stakeholder legati all'attrattività di talenti, investitori, visitatori ed è stata condotta un’analisi sulla governace multilivello. I lavori hanno incluso anche la visita alla sede dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sardegna.

La missione OCSE in Sardegna si è conclusa con l’incontro bilaterale con la Presidente che ha evidenziato le priorità per l'isola, quali le necessità di migliorare i servizi e le infrastrutture nelle aree interne, di diversificare e rafforzare l'economia regionale attraverso l'attrazione di investimenti nel settore IT e di accelerare l'innovazione con il supporto del sistema della ricerca e della formazione.

Queste indicazioni, e quelle emerse nei tre tavoli, saranno rispecchiate nello studio che verrà presentato dall'OCSE entro la fine dell'anno e reso disponibile per un confronto con i portatori di interesse per poi essere valorizzato a livello internazionale.

“Questa iniziativa rappresenta un'opportunità di confronto a livello internazionale per la Sardegna, in quanto selezionata insieme ad altre 10 regioni di 6 Paesi europei (Grecia, Italia, Lettonia, Polonia, Portogallo e Spagna) per partecipare a un progetto di qualità - finanziato dalla DG REGIO della Commissione Europea - che attraverso l'OCSE esplora le strategie regionali in tema di attrattività per comprendere meglio le sfide, le opportunità e le buone pratiche e utilizzare quanto appreso per migliorare la Sardegna e la sua competitività e visibilità sul mercato globale”, dichiara la presidente della Regione Sardegna, Alessandra Todde.

Pubblicato in Regione
Etichette:

“Oggi la Sardegna ha risposto alla speculazione energetica e ha mandato un messaggio chiaro: non accetteremo più di essere calpestati o considerati come una Regione di serie B”.

Lo afferma la presidente della regione Alessandra Todde.

“Abbiamo combattuto per ottenere un decreto sulle aree idonee che rispondesse alle prerogative della Sardegna. Abbiamo ottenuto che sia la Sardegna a definire come fare le autorizzazioni e come dislocare gli impianti eolici e fotovoltaici nel nostro territorio per ottemperare alla quota di 6,2 GW, senza subire le decisioni di altri e del Governo nazionale. Abbiamo inoltre ottenuto il riconoscimento del fatto che qualsiasi campo eolico offshore venga posto al largo delle coste della nostra isola, incida sulla Sardegna in quanto ne impatta l'economia, la pesca, il turismo. L’impegno della Sardegna verrà quindi considerato interamente”.

“La Sardegna – conclude la presidente della regione - potrà infine decidere quale dovrà essere il suo destino energetico: non ci saranno più autorizzazioni che passeranno sopra la nostra testa. Qualsiasi autorizzazione verrà decisa e data dagli uffici della Regione, chiaramente interpellando i Comuni, i territori e i cittadini”.

Pubblicato in TOP NEWS
Etichette:

 Nell’ambito del progetto di adeguamento strutturale e infrastrutturale dei Centri per l’impiego della Sardegna l’assessora del lavoro, Desirè Manca, questa mattina ha incontrato la struttura tecnica di Aspal per mettere a punto le diverse fasi del progetto che prevede un investimento di oltre 14 milioni di euro di risorse che devono essere spese entro il 31 dicembre 2025. Contestualmente, nella giornata di oggi, avrebbe dovuto tenersi un primo incontro preliminare di raccordo con i sindaci dei Comuni coinvolti. L’incontro, organizzato in video conferenza per agevolare la presenza degli invitati, è però saltato per la mancata partecipazione da parte di alcuni dei primi cittadini convocati. “Anche su questo progetto non ci si può permettere di perdere tempo e denaro”, dichiara l’assessora del lavoro Desirè Manca. “Su questa partita - aggiunge - è molto importante che ci sia la collaborazione dei Comuni, con i quali è necessario fare un lavoro di squadra per individuare le sedi fisiche in cui il progetto potrà vedere la luce e svilupparsi efficacemente. In un momento storico in cui il tasso di disoccupazione nella nostra regione è altissimo - sottolinea l’assessora Manca - è necessario lavorare speditamente alla riorganizzazione dei Centri per l’impiego di tutta l’isola, e in questo percorso la partecipazione dei sindaci è di fondamentale importanza. Ho convocato questa riunione confidando nel fatto che l’obiettivo fosse comune. Provvederò a convocare nuovamente i sindaci, questa volta in presenza”, conclude.

Pubblicato in TOP NEWS

L’assessore regionale dei trasporti, Barbara Manca, esprime soddisfazione per il via libera ottenuto da Bruxelles al regime di aiuti la creazione di nuovi collegamenti aerei fra gli aeroporti sardi e altri aeroporti all'interno o all'esterno dello Spazio aereo comune europeo.

“Apprendiamo con grande soddisfazione la decisione della Commissione Europea in merito alla notifica ufficiale trasmessa dall'assessorato dei trasporti nel mese di maggio. Ogni anno, per tre anni, la Regione Sardegna potrà investire 10 milioni di euro di risorse regionali per sostenere l'avvio di nuove tratte aeree tra l'Isola e nuove destinazioni nazionali, europee ed extra europee, con ricadute positive sul l'economia della Sardegna. Abbiamo già attivato il tavolo di indirizzo a cui partecipano l'assessorato dei Trasporti, l'assessorato del Turismo e la SFIRS, per l'individuazione delle nuove rotte che saranno poi oggetto di specifiche procedure ad evidenza pubblica”.

“Questa misura” - afferma l'assessore Barbara Manca, “si inserisce all'interno del progetto più ampio di mobilità aerea che l'assessorato dei trasporti sta portando avanti per migliorare l'accessibilità da e per l'isola (non solo per i residenti), quali l'abbattimento delle tariffe con gli aiuti sociali e ovviamente il potenziamento della continuità territoriale aerea”, conclude.

L'aiuto coprirà il 50% del costo dei diritti aeroportuali sostenuti da ciascun beneficiario per ogni nuova rotta aerea. Bruxelles ha infatti ritenuto che il regime sia necessario e appropriato per sostenere nuovi collegamenti aerei di passeggeri in una regione in cui il trasporto aereo è essenziale per garantire la mobilità dei residenti. Inoltre, la Commissione ha giudicato il regime necessario, in quanto i potenziali beneficiari non realizzerebbero gli investimenti in questione senza il sostegno pubblico. Infine, il regime è stato considerato proporzionato in quanto l'aiuto è limitato al minimo indispensabile e avrà un impatto limitato sulla concorrenza e sugli scambi nell'Ue

Pubblicato in TOP NEWS

Servizio d'emergenza dimezzato nel carcere di Uta. La decisione arriva dalla direttrice generale dell’Agenzia regionale dell’emergenza e urgenza Simonetta Bettelini. Ma la Regione era ignara della scelta. Tanto che attraverso una nota ha deciso di bacchettare la Bettelini: "Nonostante la sollecitazione a non proseguire in questa direzione, la direttrice generale di Areus Simonetta Bettelini ha deciso di intraprendere questa scelta unilaterale fatta in maniera autonoma, senza alcuna autorizzazione o disposizione da parte dell’assessorato che quindi procederà immediatamente a una diffida ufficiale. Prendiamo le distanze da questa posizione assolutamente non condivisa e invitiamo la direttrice a revocare immediatamente il provvedimento".

 Il servizio dei medici del 118, secondo quanto stabilito dalla dg, è garantito solo per 12 ore, dalle 20 alle 8. Una decisione, spiega la presidente dell’associazione “Socialismo Diritti Riforme ODV” Maria Grazia Caligaris, che ha creato preoccupazione tra detenuti, familiari e operatori penitenziari del carcere.

 

Pubblicato in TOP NEWS

“L’ho detto chiaramente e lo ribadisco: la Sardegna non si farà prendere in giro. In questo momento il nostro territorio è sotto attacco speculativo e noi riteniamo necessario difenderlo con ogni strumento possibile. Siamo convintamente a favore della transizione ecologica, che ci permetterà di fare a meno delle centrali a carbone che inquinano i nostri territori. Potremo così salvaguardare la salute delle sarde e dei sardi che in quei territori vivono e contrastare il cambiamento climatico di cui già subiamo l’effetto, con la siccità che minaccia le nostre attività e le nostre vite. Siamo però totalmente contrari a chi, strumentalizzando parole come tutela dell’ambiente o sostenibilità, specula e lucra barbaramente su territorio, suolo e paesaggio”. Lo scrive in una nota la presidente della Regione Sardegna Alessandra Todde. 

Pubblicato in Cronaca
Etichette:

 La presidente della Regione, Alessandra Todde, ha preso parte oggi a Nuoro, alle celebrazioni dell’anniversario della Festa della Repubblica.

“Il 2 Giugno 1946 il popolo italiano fu chiamato, attraverso un referendum storico, a scegliere la forma di governo per il nostro Paese. Tra monarchia e repubblica fu proclamata la vittoria della forma repubblicana”, ha detto la presidente a margine della celebrazione.

“Quel giorno 13 milioni di donne si recarono alle urne, uno in più rispetto agli uomini. Quel giorno le donne italiane furono determinanti per la nascita della Repubblica, che oggi festeggiamo.

Voglio celebrare la Festa della Repubblica con questo ricordo e una considerazione: quando le donne vengono messe nelle condizioni di esprimersi, possono essere determinanti. Buona Festa della Repubblica a tutte e tutti.

Pubblicato in TOP NEWS
Venerdì, 31 Maggio 2024 18:12

Scuola, l'assessora Portas incontra i sindacati

Contrasto alla dispersione scolastica, potenziamento dei mezzi pubblici, investimenti sull'edilizia scolastica, mense e attività extracurricolari pomeridiane affinché la scuola diventi anche un punto di riferimento e di incontro per le ragazze e i ragazzi e garantisca attività di interesse. E ancora, tra le priorità al tavolo dell'incontro di questa mattina tra l'assessora della Pubblica Istruzione Ilaria Portas e i sindacati della scuola, c'è la legge regionale sull'istruzione, un importante intervento interassessoriale sul trasporto pubblico, la formazione professionale e ancora interlocuzioni con il Governo nazionale per rappresentare le specificità e le necessità della Sardegna.

“E' stato un lungo e necessario incontro con i rappresentanti delle sigle sindacali del mondo della scuola, CGIL, CISL,UIL, Cobas, Gilda, Snals, ANP – ha detto l'assessora della Pubblica Istruzione Ilaria Portas – per discutere delle priorità sulle quali è necessario lavorare subito, bene e insieme, per riportare l'istruzione in Sardegna a un buon livello, eliminare il divario che esiste innegabilmente con  altre regioni d'Italia, valorizzando i lavoratori della scuola e favorendo una didattica di qualità e inclusiva”.

L'assessora ha sottolineato più volte la necessità di individuare soluzioni che siano rispondenti alle caratteristiche socio economiche e olografiche dell'isola. “La Regione deve confrontarsi con il Ministero – insieme alle parti sociali - per individuare i percorsi formativi più adatti a studenti e studentesse di ogni ordine e grado”.

“La legge sarda sulla Scuola è un obiettivo di legislatura – ha proseguito l'assessora Portas - al quale arriveremo con un percorso con le sigle sindacali, il mondo dell'istruzione e il Governo nazionale. Il vantaggio di avere una nostra legge sarà quello di dare alla Sardegna un'istruzione a sua misura, senza più adeguarci a un vestito confezionato per altre regioni e che ovviamente non può essere della nostra misura”.

D'aiuto - in questo percorso che si sta delineando- sarà l'istituzione dell'Osservatorio scolastico che consentirà alla Regione di agire in base al monitoraggio fornito, con azioni mirate.

 

Pubblicato in Regione
Etichette:

Approvati dalla Giunta regionale, per l'annualità 2024, su proposta della Presidente Alessandra Todde, gli indirizzi per la realizzazione degli interventi di cooperazione internazionale allo sviluppo in base alla legge regionale su “Norme in materia di cooperazione con i Paesi in via di sviluppo e di collaborazione internazionale”.

La Regione Sardegna, ha sottolineato la Presidente Todde, in attuazione della legge regionale 11 aprile 1996, n. 19, supporta la realizzazione di iniziative di cooperazione allo sviluppo promosse da Enti Locali, organizzazioni della società civile e soggetti del mondo accademico. Coerentemente con gli obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell'Agenda 2030 delle Nazioni Unite, la Regione eroga annualmente aiuti finanziari diretti a sostenere iniziative il cui intento primario è favorire, nel medio e lungo periodo, uno sviluppo equo e sostenibile nei Paesi di intervento. La dotazione finanziaria per l’annualità 2024 è di 850 mila euro di cui, 400 mila per l'erogazione di contributi a favore degli Enti locali e delle Università e  450 mila euro per l'erogazione di contributi a favore delle Organizzazioni non governative e delle Associazioni di volontariato.

Le iniziative finanziabili sono per il raggiungimento degli obiettivi di Sviluppo Sostenibile e devono essere coerenti con i settori e i Paesi prioritari definiti dal “Documento triennale 2021-2023 di programmazione e indirizzo per la cooperazione internazionale allo sviluppo” del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI). Le stesse devono concorrere a favorire uno sviluppo socio economico sostenibile di lungo periodo nei territori di intervento, sostenere le politiche di decentramento, il rafforzamento della governance a livello locale e la democratizzazione delle autonomie locali dei Paesi partner. Inoltre devono favorire la creazione di intese istituzionali tra i territori, favorire la complementarietà e le sinergie con l'azione di cooperazione internazionale attuata dal Governo italiano nelle medesime aree geografiche e tematiche, favorire la promozione di possibili percorsi di rientro nei paesi di provenienza degli immigrati, promuovere azioni di educazione alla cittadinanza globale, l'istruzione di ogni ordine e grado, la realizzazione di interventi in materia di economia sociale e solidale e fornire aiuti emergenziali alle popolazioni più vulnerabili colpite da eventi bellici o disastri naturali.

Sono considerate aree prioritarie di cooperazione i Paesi dell’ Africa Mediterranea( Egitto, Tunisia), Africa Orientale ( Etiopia, Kenya, Somalia, Sudan; 3. Africa Occidentale: Burkina Faso, Niger, Senegal),  Africa Australe( Mozambico; 5. Medio Oriente: Giordania, Iraq, Libano, Territori Palestinesi), Balcani (Albania), Europa Orientale ( Ucraina), America Latina e Caraibi ( Cuba, El Salvador) e Asia ( Afghanistan).

Iniziative progettuali, ritenute di particolare rilievo strategico per l’azione regionale di aiuto pubblico allo sviluppo, potranno essere realizzate anche in aree geografiche diverse da quelle elencate, purché sempre riconducibili a Paesi in via di sviluppo. La priorità sarà data ad iniziative che intendono realizzare azioni mirate a promuovere un'agricoltura ecologicamente sostenibile, migliorare l'accesso all'acqua pulita, a sistemi di energia economici e sostenibili, all'istruzione, ai servizi di base, promuovere il lavoro dignitoso, l'uguaglianza di genere e l'empowerment delle donne, contrastare ogni forma di violenza e garantire l'accesso alla salute sessuale e riproduttiva, oltre al rafforzamento dei sistemi sanitari.

Le istanze di finanziamento potranno essere presentate da soggetti capofila con sede legale e operativa in Sardegna, riconosciute dal Ministero degli Affari Esteri e Organizzazioni di volontariato iscritte al Registro unico nazionale (Runts). Il finanziamento regionale non potrà essere superiore al 70% del costo totale dell'iniziativa e non potrà essere maggiore di euro 60.000.

La Presidente propone inoltre di destinare almeno il 20% delle risorse disponibili a progetti di emergenza in favore dei Territori Palestinesi e dell'Ucraina con l’obiettivo di fornire aiuti umanitari e assistenza alla popolazione civile, agli sfollati e ai profughi.

Pubblicato in Regione
Etichette:

L'assessore Giuseppe Meloni comunica l’approvazione del Rendiconto Generale della Regione per l’esercizio 2023 che evidenzia un avanzo disponibile pari a quasi 531 milioni di euro.

"Questo risultato consente di avere a disposizione delle risorse che però potranno essere oggetto di riprogrammazione con un apposito disegno di legge, solamente dopo la parifica delle Corte dei Conti, quindi presumibilmente intorno a settembre/ottobre e nel rispetto dei parametri definiti dalla legge.

Si approva il documento che rappresenta il risultato della gestione 2023 e quindi riferito all’operato della precedente giunta. L’attuale amministrazione intende utilizzare le informazioni che emergono dai dati e le indicazioni che fornirà dalla Corte dei Conti in sede di verifica e parifica per non incorrere negli stessi errori della precedente legislatura. Innanzitutto programmando per tempo le risorse, al fine di consentire da un lato l’assunzione degli impegni di spesa e l’adozione nei tempi corretti degli atti necessari per l’attuazione delle politiche programmate, e dall’altro l’introduzione di eventuali correttivi nella programmazione stessa emersi in fase di attuazione".

“Occorre evitare il più possibile – ha concluso il vice presidente e assessore al Bilancio Meloni - la formazione di avanzi di amministrazione elevati che, che come ribadito dalla Corte dei Conti, denotano scarsa capacità di programmazione e che, inoltre, possono essere di difficile riprogrammazione sia per le tempistiche di formazione sia per le tipologie di spesa che possono finanziare. Tutti i fondi disponibili debbono essere spesi nel migliore di modi per il bene della Sardegna”.

Pubblicato in Regione
Etichette:
Pagina 1 di 57